Rizzios

IL BORGO DI RIZZIOS

Chi sale dalla stazione ferroviaria di Calalzo verso il centro storico, guardando verso la catena montuosa delle Marmarole, intravede - tra l’ormai folto bosco - il borgo di Rizzios. La piccola frazione abitata abitualmente da una trentina di persone e qualche ospite in cerca di tranquillità e vita naturale, è rimasta pressoché intatta nelle vecchie case di fattura cadorina, fortunosamente non toccate da incendi come in altre località del Cadore. Non si conosce il periodo preciso dei primi insediamenti in questa zona solatia e riparata, ma già i documenti antichi nominano il toponimo Ruzuos (1621), in altri momenti denominato anche Rezuos mentre la ricca chiesetta racconta di una storia religiosa e sociale vivace già dal XVII secolo. Si ipotizza che il nome del borgo derivi dal latino Riviciolus (piccolo rivo) dallo stesso ruscello, affluente del torrente Molinà, che divide la cascata di case e fienili in Vilagranda e Villapiccola. La materia principe è il legno: non solo perché circonda l’abitato con faggi, abeti, larici e alberi da frutto, ma anche per i ricami dei ballatoi, le scale a vista, i graticci che sbucano sotto l’intonaco mostrando la tecnica antica con cui si costruivano i muri delle case e ancora le aperture delle soffitte, gli stipiti, i solai e gli steccati. Non si passa per Rizzios casualmente; ci si va allontanandosi dalla strada principale, in auto attraverso la carrozzzabile che porta verso i boschi di Praciadelan oppure attraverso la rete dei sentieri che partono da Grea, dal ponte della Molinà o dalle Piazze.

Rizzios dal video sugli occhiali del Cadore ( Rai international)

Indirizzo

Via Rizzios 41, Calalzo di Cadore (BL)

CHIAMACI

+39 340-3222062

E-MAIL

info@comeapialmiele.it